Aggiornamenti su Afrodite (9 aprile 2019)

In tantissimi ci state scrivendo per chiedere notizie su Afrodite, la tartaruga marina da noi soccorsa il 17 marzo a Pellaro (RC) (la sua storia qui ) in condizioni gravissime, trainandosi un cerchione di bicicletta e impigliata in molti metri di lenza da pesca che ne ha compromesso il movimento e l’uso delle pinne anteriori, purtroppo già in cancrena al momento del ritrovamento. La pinna sinistra è già stata amputata il 28 marzo, e si sta cercando, giorno dopo giorno, di salvare quel che resta della sua pinna destra. Grazie ai veterinari specialisti della Sea Turtle Clinic (Uniba), capeggiati dal Prof. Di Bello, si sta provvedendo ogni giorno a monitorare e ripulire tutta l’area di necrosi nella speranza di trovare tessuto vivo e quindi circolazione sanguigna. Solo in quel caso l’arto destro potrebbe essere salvato.

Il problema di Afrodite non sono, però, soltanto le pinne, poiché i parametri fisiologici della tartaruga, fin dal momento del ritrovamento, sono stati ai limiti della sopravvivenza, in quanto è stata avvistata solo dopo mesi e mesi di agonia in mare, periodo nel quale non ha potuto alimentarsi. Le sue condizioni generali, al momento, restano gravissime. Quindi purtroppo, a prescindere dalla situazione delle pinne, la tartaruga non è fuori pericolo di vita.

Noi continuiamo a sperare e a incrociare le dita per lei, senza però dimenticare che Afrodite non è l’unica tartaruga che si trova in queste condizioni. Con cadenza quasi settimanale soccorriamo molti esemplari con problematiche simili, e molti di più li ritroviamo, purtroppo, spiaggiati già morti. Per chi non lo sapesse noi siamo una piccola Onlus (Blue Conservancy) che gestisce un ancora più piccolo ospedale per tartarughe marine, che con la sola forza del volontariato salva decine e decine di tartarughe marine ogni anno, senza alcun finanziamento pubblico, ma solo con le donazioni libere di chi decide di essere al nostro fianco, anche da lontano, in questa tanto meravigliosa quanto difficile missione di salvare le tartarughe marine.

Per chi volesse aiutarci ecco tutte le modalità per sostenere il nostro centro di recupero:

➡ Tramite Bonifico Bancario: IBAN IT 70 J 01030 81320 000001929724 intestato a Blue Conservancy Onlus, Montepaschi di Siena – BIC/SWIFT: PASCITMM.

➡ Tramite Paypal: paypal.me/sostartarughe

➡ Con il 5 x 1000 (CODICE FISCALE per il 2019: 90037550804 )

➡ Adottando a distanza una tartaruga marina

➡ Donando 1 euro al mese tramite Teaming

➡ Partecipando a un campus estivo di volontariato

Ti ricordiamo che tutte le donazioni verso la nostra Onlus sono detraibili dalle tasse: ti basterà conservare la ricevuta di pagamento e presentarla al tuo commercialista alla prossima dichiarazione dei redditi.

Per donare direttamente online visita la nostra sezione SOSTIENICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.