SOS Tartarughe Marine

Guida operativa per azioni di primo intervento in caso di avvistamento di una tartaruga marina.

Con questa guida vogliamo sintetizzare delle operazioni basilari da effettuare nel caso di avvistamento di una tartaruga marina in difficoltà. Prima di iniziare, però, Una corretta messa in sicurezza potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte dell’animale stesso.

Il Centro Recupero Tartarughe Marine di Brancaleone è sito in Piazza Stazione a Brancaleone Marina (RC) ed è attivo H24 per il recupero di esemplari di Tartarughe Marine in difficoltà su tutta la costa calabrese, stretto di Messina e provincia di Messina.

In caso di avvistamento, ritrovamento, segnalazione di tartarughe marine in difficoltà, di seguito alcune informazioni utili sulle norme da adottare in attesa dell’arrivo del personale del Centro di recupero.

Cosa fare in caso di avvistamento di una tartaruga marina in Mare

Le tartarughe marine che vengono avvistate in mare e non fuggono alla presenza dell’uomo e/o di un’imbarcazione sono in stato di difficoltà. Potrebbero essere ferite, aver avuto una collisione con un mezzo nautico, aver ingerito uno o più ami da pesca e relativa lenza, plastica, o esser rimaste intrappolate  in lenza, reti da pesca o altri rifiuti galleggianti.

  • Nel caso in cui sia visibile della rete o del nylon che non permetta di recuperare l’animale è possibile tagliare il groviglio di materiale. Se possibile fotografare l’animale nelle condizioni di recupero, prima di qualunque intervento!!!!!
  • Se la lenza fuoriesce dalla bocca si raccomanda di NON tagliarla in quanto ci è utile per individuare l’amo durante l’eventuale intervento chirurgico;

Si raccomanda SEMPRE di non rilasciare la tartaruga in mare poichè potrebbe aver riportato delle lesioni (anche non visibili) e/o essere particolarmente debilitata e quindi bisognosa di cure veterinarie; Inoltre ad ogni tartaruga recuperata e consegnata al centro di recupero sara’ apposta una targhetta metallica per poterla riconoscere in situazioni future e per studiare la popolazione di tartarughe marine nell’area.